Si ipotizza che la città abbia avuto … Nel 1986 una nuova legge nazionale finanzia il recupero degli antichi rioni materani, ormai degradati da oltre trent'anni di abbandono. La storia di Matera ha inizio nel Paleolitico – le cui tracce sono state rinvenute nelle grotte sparse lungo le Gravine – e prosegue nel Neolitico – in particolare i villaggi trincerati sono riconoscibili soprattutto sulla Murgia Timone – per arrivare alle diverse Età dei Metalli, in cui sorge il primo nucleo urbano, quello della Civita, sulla sponda destra della Gravina. Nel 1993 i Sassi di Matera vengono dichiarati dall'UNESCO Patrimonio mondiale dell'umanità. Sorta su un preistorico villaggio trincerato, la città che si sviluppa successivamente ha probabili origini greche, come afferma il Volpe nelle sue Memorie storiche profane e religiose sulla città di Matera, citando anche l'Ughelli, il Pacichelli ed il Padre Bonaventura da Lama che erano giunti a tale conclusione. Giuseppe Gattini, Note storiche sulla città di Matera, Napoli, Perrotti, 1882. The "Sassi" have been described by Fodor's as "one of the most unique landscapes in Europe". La Storia di Matera spesso si identifica con la storia dei Sassi. In età ellenica la zona fu sotto l'influsso delle popolazioni della Magna Grecia, successivamente accolse fuggiaschi di Metaponto e di Eraclea. Ad avvalorare questa tesi, troviamo alcuni elementi di artigianato locale collegati alla produzione del pane: i “timbri“. I primi ad abitare le grotte delle Gravine Materane furono dei cacciatori, mentre a partire dal Neolitico gli insediamenti diventarono più stabili tanto che vennero formati i primi villaggi. Donata nel 2004 dalla famiglia materana Fodale Latorre. La città, costituita allora dalla rupe della Civita, è cinta di mura da un lato, mentre dall'altro lato è protetta dal burrone della Gravina. Quanti poi siamo cittadini non potremmo senza nostra vergogna ignorarla, che ignorandola saremmo costretti ad arrossire quando altri che non vi ebbe i natali ce ne dimandasse, e peggio ancora se di più lontane contrade e meglio che noi informato delle cose nostre venisse per darcene contezza. Sassi di Matera: Storica Casa Grotta di vico Solitario. Undici persone trovano la morte a seguito dei mitragliamenti tedeschi in ritirata. La Basilicata è stata la prima regione italiana in cui l’indice di contagiosità ha raggiunto quota 0. Il riscaldamento del clima successivo all'ultima glaciazione ha consentito agli abitanti di stabilirsi sul territorio, differentemente dai cacciatori delle epoche precedenti che erano nomadi, e di cominciare a praticare l'agricoltura e l'allevamento. Il nome “Sassi” identifica i due principali quartieri di cui è composto il centro storico della città di Matera: la “Civita” ed il “Piano”. Antica abitazione tipicamente arredata. Marcello Morelli. Ciò sarebbe confermato dall'emblema della città, il bue con le spighe di grano, che secondo il Volpe stesso è un simbolo tipico della Magna Grecia; inoltre il Gattini cita l'ipotesi di alcuni storici secondo i quali riprodurrebbe l'emblema della città di Metaponto, che era appunto un bue, mentre le spighe di grano erano figure ricorrenti nelle monete greche. Basilicata Open Space Questo sito è in fase di test. tra le mani la storia di Matera. Antica abitazione tipicamente arredata. Nell'agosto 1860 si verifica l'episodio più grave, con l'eccidio del conte Gattini, in cui i contadini materani, aizzati anche da quella parte della nobiltà reazionaria e legittimista che mal sopportando alla vigilia dell'Unità la venuta del nuovo regime inizia a promettere redistribuzioni di terre in caso di vittoria, si sollevano ancora una volta contro i proprietari terrieri assassinando durante i tumulti il conte Gattini e due suoi dipendenti. Matera è considerata una delle città più antiche del mondo, come testimonia il ritrovamento di alcuni insediamenti a partire dall’età paleolitica, i quali si svilupparono utilizzando le grotte naturali disseminate lungo le Gravine materane, che in gran numero definiscono il paesaggio rupestre, in cui sono stati rinvenuti diversi oggetti risalenti a quell’epoca. Materano fu il redatore del Catechismo ufficiale della Repubblica Napoletana, che aveva il compito di educare i sudditi a divenire cittadini. Dizionario dei Lucani Autore: Angelo Lucano Larotonda , Numero di pagine: 576 Il monumentale lavoro di indagine nella storia della Basilicata dal Cinquecento ad oggi, del professor Angelo Lucano Larotonda, ha prodotto i ritratti di 405 lucani. Nel 1927 la città diventa capoluogo di provincia. L’amministrazione Comunale mette a disposizione del Conservatorio i locali di proprietà comunale, siti in piazza Vittorio Emanuele lii, oggi piazza del Sedile. Tutte le funzionalità saranno ripristinate a breve. Storia di Matera Sassi studiati da Domenico Ridola Archeologo per passione, il primo a cominciare in quegli anni gli scavi nella zona. Le diverse ipotesi sull'origine del nome della città sono elencate nelle seguenti opere: Il confine Apulo-Lucano al tempo di Augusto, pagg. A Ridola va riconosciuto il merito, non tanto per i modi di operare, ma per la volontà, di aver messo insieme i pezzi della storia e della preistoria materana. I Normanni, seguaci della Chiesa Romana, tendono ad affermare la loro religione, cosa che avviene in maniera netta nel XIII secolo, quando viene costruita la Cattedrale, simbolo di potenza della Chiesa Occidentale, che con la sua mole domina le valli sottostanti dei Sassi. Nel frattempo, a partire dall'VIII secolo, arrivano nella zona delle Murge, ed in particolare a Matera, monaci eremiti e comunità monastiche che si stabiliscono nelle grotte della Gravina trasformandole in Chiese rupestri (ce ne sono circa 150), impreziosite da affreschi di stile bizantino. La città vive quindi un periodo di sviluppo edilizio e demografico, favorito anche dai vivaci contatti commerciali con i porti pugliesi e da un'attiva vita culturale. Pane di Matera: Storia e Curiosità Un pò di storia. Scarica gratuitamente ebook da Storia di Matera. La giornata raggiunge il suo culmine con la feroce rappresaglia nazista che costa la vita ad altre 15 persone, sia civili che militari, fatte saltare in aria nel "palazzo della milizia", tra cui Natale e Francesco Farina, rispettivamente figlio e padre; quest'ultimo si era recato nell'edificio prima della demolizione per tentare di far liberare il figlio pagando un riscatto. Durante questo periodo la città conobbe un'importante crescita economica, commerciale e culturale. E anche questa che stiamo per narrare – una storia che ha come sfondo i Sassi di Matera – sembra trovare nella malafede e nella cattiveria degli uomini la … La città è ancora per la maggior parte circoscritta alla Civita, ed i Sassi si vanno popolando a macchia di leopardo, e solo intorno al 1500 le mura della Civita perdono la loro funzione in quanto la città si è ampliata fino a comprendere i due Sassi. Il monastero di San Domenico è stato edificato dai Ciccarelli, con l'attuale protettore mastro Angelo, a dispetto dei Troyano, con i quali ci sono stati vari contrasti accesi. Anche a causa di tale atteggiamento ostile in modo malcelato verso il nuovo vento della Storia, i fatti storici avvenuti a Matera in tutto il 1800 sono scarsissimi e di scarsa importanza, salvo l’omicidio avvenuto il giorno 8 agosto del 1860 del conte Gattini, il solo patrizio materano di tendenze liberali. SHUTTLE SNC servizi di noleggio con conducente : Via Lupo Protospata, 80 - 75100 MATERA - tel. In questa pagina troverai i link alle singole schede di tutti i musei di Matera: grandi e piccoli, pubblici e privati, dedicati ad argomenti ed epoche differenti della storia di questa città, i musei ospitano ogni periodo dell’anno mostre ed eventi che rendono dinamica Matera, come la sua storia millenaria. L'aumento di popolazione (oltre 15.000 abitanti) porta ad una frantumazione dei vicinati in più unità e ad un uso abitativo anche di quegli ambienti prima adibiti a cisterne o depositi. Insomma, fin da quando l’uomo ha avuto bisogno di un tetto sulla testa, Matera è stata la sua casa. La storia del “Pane di Matera” ha inizio presumibilmente ai tempi del Regno di Napoli, periodo in cui la produzione di cereali rappresentava l’attività prevalente nel territorio dei Sassi di Matera. Inoltre, il territorio materano è considerato molto importante per l'Età Neolitica grazie alla scoperta di una famosa ceramica, detta di Serra d'Alto dal luogo in cui è stata ritrovata, che rappresenta il culmine dell'abilità artistica in questo settore artigianale. Nel 1663, in epoca spagnola, Matera esce dalla provincia di Terra d'Otranto, di cui fino ad allora era parte integrante, diventando capoluogo della Basilicata e sede di Regia Udienza. +39 0971 507611 / +39 0971 507600 Nel frattempo nel 1481 la città, che ha partecipato alla difesa di Otranto dall'assalto dei Turchi, ospita il Re di Napoli Ferdinando I (detto anche Ferrante), che la sceglie come sua residenza provvisoria e come base della sua controffensiva. Dopo aver attraversato le fasi della preistoria, comprese le diverse età dei metalli, sarà il Cristianesimo a caratterizzare la storia di Matera, al punto che durante tutto il medioevo il paesaggio rupestre subì una totale metamorfosi grazie alla costituzione di piccole comunità orientali, monastiche e laiche, emigrate in seguito all’Iconoclastia da Cappadocia, Armenia, Asia Minore e Siria. Il Sindaco di Ferrandina (MT), Gennaro Martoccia, in un comunicato stampa, dichiara: “Dopo gli interventi realizzati da Rete Ferroviaria Italiana nella stazione di Ferrandina-scalo Matera… ALTRI COMUNI , BERNALDA , MATERA , PISTICCI , POLICORO , TUTTE LE NEWS 19 Dicembre 2020 Nel territorio di Timmari sono stati rinvenuti diversi reperti Magno Greci in un'antica necropoli e una tomba principesca che si pensa appartenga ad Alessandro il Molosso, zio di Alessandro Magno. La storia di Matera ha origini nel Paleolitico, come dimostrano gli oggetti custoditi nel Museo Archeologico nazionale Domenico Ridola, è perciò una città antichissima, il cui nome proviene dal greco Metèoron, cielo stellato. STORIA DI MATERA E' ormai certo che il territorio di Matera fu abitato ininterrottamente fin dal paleolitico. Matera, una storia di rinascita di Giovanni Negri da Brusciano . Nel 1975, alla sua morte, Levi viene seppellito per sua volontà ad Aliano. Nel 1948 nasce la questione dei Sassi di Matera, sollevata da Palmiro Togliatti prima, e da Alcide De Gasperi dopo. Secondo altre fonti, il nome deriverebbe dalla radice Mata, che significa mucchio, cumulo di rocce, o ancora dal greco Metèoron, cielo stellato, per l'impressione che offrono dall'alto i lumi notturni delle due valli dei Sassi. Matera, insignita Capitale europea della cultura nel 2019, è già da qualche anno meta turistica tra le più ambite del Sud Italia. Nel centro di Matera si susseguono una serie di importanti palazzi e chiese che hanno avuto un particolare rilievo nel corso della storia cittadina. È questo un episodio precursore del brigantaggio, fenomeno di ribellione post-unitaria che interessa anche l'area materana in particolare con le bande di Rocco Chirichigno di Montescaglioso, Vincenzo Mastronardi di Ferrandina, Eustachio Fasano di Matera, evaso dal carcere dove era detenuto per i moti contadini dell'agosto 1860, ed infine circa trent'anni più tardi con Eustachio Chita, detto Chitaridd, considerato l'ultimo brigante sebbene operasse in maniera isolata e non facesse parte di quel brigantaggio post-unitario ormai definitivamente sconfitto. Materano comunque fu uno dei mille che ebbe un ruolo importante nello sbarco di Giuseppe Garibaldi in Sicilia, il colonnello Giambattista Pentasuglia ed un altro garibaldino fu anche il generale Antonio Raffaele Giannuzzi. Se il nome del villaggio preistorico che ha formato il primo nucleo è ignoto, sull'origine del nome della città sono state fatte diverse ipotesi[3]. La presenza del Tribunale della Regia Udienza favorisce il formarsi di una classe di giurisperiti, impegnati nelle contese che vedono contrapporsi le Università e i baroni. I Sassi diventano il simbolo nazionale dell'arretratezza e del sottosviluppo del meridione d'Italia. La storia di Matera. Marcello Morelli, Storia di Matera, Matera… Tra i Sassi di Matera: storia di tirannicidio e libertà Tutte le storie che raccontiamo hanno spesso due denominatori comuni: l’amore e l’odio. Alla più antica Età della Pietra corrispondono i ritrovamenti di diversi oggetti, alcuni dei quali custoditi nel Museo archeologico nazionale Domenico Ridola, attestanti la presenza di gruppi di cacciatori nel territorio materano. Una delle caratteristiche principali della storia della città di Matera è quella che il suo territorio è stato abitato senza soluzione di continuità dal paleolitico fino ai nostri giorni, pertanto Matera viene considerata una delle città più antiche al mondo. CF. Storia delle due Sicilie dall'antichità più remota al 1789, Volume 3. Dal 1663 al 1806 è stata il capoluogo del Giustizierato di Basilicata nel Regno di Napoli. . Per il viaggiatore che la visita per la prima volta, risulta difficile pensare che la storia di Matera comprenda un periodo tremendo che l’ha portata addirittura ad essere definita la vergogna d’Italia. L'Ottocento a Matera è centrato in gran parte sulla questione della ripartizione ai privati delle terre demaniali e confiscate ai baroni ed alle chiese, che però viene effettuata molto lentamente e provoca numerosi contrasti. Il titolo di capoluogo le rimane fino al 1806, quando Giuseppe Bonaparte trasferisce le competenze a Potenza. In Piazza Vittorio Veneto domina il grande Palazzo dell’Annunziata, ex convento attuale sede della Biblioteca Provinciale. Gattini a conferma di ciò cita anche alcuni versi del poeta Tommaso Stigliani: «Il marinaro di Metaponto antica, la quale a nostra età dett'è Matera», e fa riferimento all'accoglienza data da Matera ai profughi metapontini dopo la distruzione della loro città da parte di Annibale. Nacquero così le splendide chiese rupestri, preziosi scrigni di arte e cultura oggi consegnati all’intera comunità. Solo dopo l'arrivo dei Normanni, intorno al Mille, trova un periodo di calma. Con le successive Età dei metalli, gli insediamenti cominciano a spostarsi sulla sponda destra della Gravina[1], meglio difesa e dalla superficie più tenera, il tufo, che permette con i nuovi utensili di metallo uno scavo più facile. Singolare è la storia della città che per godere il privilegio di città libera ad autonomo reggimento, dipendente cioè non da un barone ma direttamente dal re di Napoli, è costretta a riscattarsi l'autonomia più volte con grandi sacrifici. info@aptbasilicata.it La città di Matera diventa così un autentico laboratorio; nasce la Commissione per lo studio della città e dell'agro di Matera, promossa dall'UNRRA-CASAS ed istituita da Adriano Olivetti, presidente dell'Istituto Nazionale di Urbanistica e dal sociologo Friedrich G. Friedmann, che si avvale di esperti in diverse discipline quali storia, demografia, economia, urbanistica, paleoetnologia, sociologia, ed intervengono esponenti prestigiosi dell'urbanistica italiana, per progettare e creare quartieri che riprendano il più possibile i modelli di vita sociale dei Sassi. Il Conservatorio di Musica di Matera, intitolato al Compositore Egidio Romualdo Duni, nasce come sezione staccata del Conservatorio di Musica di Bari nel dicembre del 1965. Scopri la storia di Matera nelle fotografie di Federico Scarchilli, che cattura la magia della città dei Sassi, che ha saputo rinnovarsi nei secoli, attraversando luci e ombre, passando dall'essere “vergogna d’Italia” a Capitale Europea della Cultura 2019. Le scoperte nella Grotta dei Pipistrelli e nelle grotte funerarie, ad opera di Domenico Ridola, medico per professione e archeologo per passione, fondatore del Museo Archeologico Nazionale di Matera, accreditano oltremodo la presenza dell’uomo già dal Paleolitico. infopoint@aptbasilicata.it, Via del Gallitello, 89 – 85100 Potenza Per quanto riguarda il Neolitico il territorio di Matera costituisce una località molto importante, data la presenza di numerosi villaggi trincerati risalenti a quel periodo. +39 3809051169 - tel. Viaggio straordinario nella storia di Matera”, ideato da Giovanni Carrada e proiettato su pareti, soffitti e pavimenti delle stanze, che offre al visitatore una ricostruzione completa della storia della città dalle origini a oggi. 5-6, Antica topografia istorica del regno di Napoli, Volume 2, Memorie storiche profane e religiose sulla città di Matera, Museo archeologico nazionale Domenico Ridola, La classifica delle 10 città più antiche del mondo, Museo-laboratorio della civiltà contadina, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Storia_di_Matera&oldid=117189610, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. Nel rispetto della normativa nazionale e con le soluzioni organizzative e di vigilanza sanitaria predisposte dalla Regione, è pronta ad accogliere in piena sicurezza i visitatori che sceglieranno un viaggio da vivere en plein air. Via De Viti De Marco, 9 – 75100 Matera A fine secolo l'onda della Repubblica Napoletana giunge in città, ancor più perché capoluogo di Basilicata, i notabili cittadini si schierano per convenienza con i Giacobini (pronti a cambiar casacca con l'arrivo in città del cardinale Fabrizio Ruffo) il popolo ingenuo in primis credette agli ideali repubblicani presentatigli ma l'esperienza di vita gli fece immediatamente intendere di cosa in realtà si trattase e il primo a pagarne le conseguenze, fu inevibilmente il popolo, tra cui il giovane martire della rivoluzione; Giovanni Firrao figlio dell'ex sindaco di Matera. La nascita dei Sassi di Matera dal Paleolitico ai giorni nostri. Tra la fine del XV e l'inizio del XVI secolo si registra un incremento demografico dovuto anche all'immigrazione degli Schiavoni, popolazioni di origine serbo-croata ed albanese, che fondano un vero e proprio quartiere popolando quella parte dei Sassi a tutt'oggi nota con il nome di Casalnuovo[9]. Di questi nuovi quartieri quello realizzato dall'INA-Casa, denominato Le "Spine Bianche", rappresenta ad esempio un'opera di grande rilevanza architettonica di quella corrente Neorealista del Razionalismo italiano del secondo dopoguerra. Si tracciano così dei percorsi, e fra questi l'area subappenninica delle Murge costituisce territorio di passaggio. Rifugiandosi nelle grotte già esistenti, esse ne ricavarono altre utilizzandole poi come abitazioni e luoghi di preghiera. Museo demo-antropologico ricavato in una antica ed autentica casa-caverna. Nei secoli seguenti, fra pestilenze e terremoti, Matera passa anche attraverso una breve fase comunale per approdare nel XV secolo agli Aragonesi e attraverso questi ultimi, al conte Tramontano. Dell'epoca romana invece le testimonianze sono più scarse, e consistono principalmente in una discussa torre (la torre Metellana); in questo periodo la città, situata vicino alla via Appia, funge soprattutto come centro di passaggio e di approvvigionamento di frumento. Conti di Matera; Fonti e bibliografia [modifica | modifica wikitesto] Francesco Paolo Volpe, Memorie storiche profane e religiose sulla città di Matera, Napoli, Simoniana, 1818. Il monastero di San Francesco, con la cappella della Maddalena, è stata fondata dagli stessi Verricelli ed è tuttora di loro proprietà. Nel 1952 si giunge allo stanziamento di fondi per la costruzione di nuovi quartieri residenziali che avrebbero costituito la città nuova nella quale far confluire le 15.000 persone che abitavano le case-grotta. Infine con la suddivisione delle regioni augustee Matera, come tutta la sponda sinistra del fiume Bradano, fa parte della Regio II Apulia et Calabria[5]. Tuttavia le testimonianze greche sono diverse, tanto da ipotizzare che la città abbia avuto più stretti rapporti con le colonie della Magna Grecia situate sulla costa ionica metapontina[8]. Sassi di Matera: storia Matera è una delle città più antiche al mondo, come testimoniano i ritrovamenti di alcuni insediamenti senza soluzione di continuità sin dal paleolitico. Oggi Matera antica e l’Altipiano Murgico costituiscono uno spaccato originale, della storia della città europea, che è affascinante scoprire nel raffinato dialogo tra rocce ed architettura, canyon e campanili, che definiscono l’incomparabile bellezza del suo scenario urbano. info]; Matàrə in dialetto materano, pron. Plinio il Vecchio inoltre nella sua Naturalis historia (Liber III, 105) chiama Mateolani gli abitanti della città e li elenca tra gli Apuli, anche se la desinenza dell'aggettivo in -anus evidenzia chiaramente l'influenza osca dei Lucani, in quanto la città era situata proprio sul confine apulo-lucano[5] nella regione anticamente chiamata Peucezia[6]. Dall'alto del campanile si ha sotto controllo l'orizzonte molto vasto della campagna, molto importante per la città dal punto di vista economico. Occorre ricordare che nel 1935 la provincia di Matera ha ospitato il confino dello scrittore, medico e pittore Carlo Levi, il quale, sulla scorta di quella che è diventata un'esperienza umana profonda, nel 1945 pubblica il romanzo Cristo si è fermato a Eboli. Nel 1514, però, la popolazione inferocita dalle ingiustizie subite ed oppressa dalle tasse insorge e uccide il conte Giovan Carlo Tramontano. Lo stabilirsi della popolazione ed il sorgere di attività legate ai commerci rende possibile il sorgere di quelle istituzioni economiche, religiose, politiche che danno origine ad una città. +39 0835 406464 / +39 0835 408816 La storia di Matera ha inizio nel Paleolitico – le cui tracce sono state rinvenute nelle grotte sparse lungo le Gravine – e prosegue nel Neolitico – in particolare i villaggi trincerati sono riconoscibili soprattutto sulla Murgia Timone – per arrivare alle diverse Età dei Metalli, in cui sorge il primo nucleo urbano, quello della Civita, sulla sponda destra della Gravina. Tracce evidenti di villaggi trincerati risalenti al Neolitico, sulla Murgia Timone, Murgecchia, Serra d’Alto e sul colle della Civita lasciano intendere che in quel periodo gli insediamenti divennero più stabili. Matera è città antichissima e la sua origine si perde nella preistoria. 80005050762. Riprendiamoci la storia. Sorgono nuovi agglomerati sparsi, detti casali. I Sassi, che fino alla fine del 1700 erano un esempio di integrazione perfetta fra l'uomo e l'ambiente, hanno subito negli ultimi due secoli un degrado notevole, che li ha portati all'appellativo di "vergogna nazionale". Al consolato romano di Quinto Cecilio Metello Numidico, che la riedifica e la fa cingere di mura e di alte torri, risale infine un'altra ipotesi sull'origine del nome Mateola[4]. Diventano una sorta di ghetto contadino dove le condizioni sociali si fanno sempre più difficili. Con il diffondersi della pastorizia, poi, si sviluppa anche la transumanza, lungo i tratturi. +39 0835 331983 Alcuni studiosi, in particolare il Cely Colaianni, parlano di Mateola antica città japigia accanto alla quale scorre una fossa attraversata da torrenti chiamata dai Greci Mataios olos (tutto vacuo), da cui il nome di Mataia ole, trasformatosi poi in Mateola. In età ellenica accoglie profughi di Metaponto e di Heraclea dopo la loro distruzione (da cui proviene un'altra ipotesi suggestiva sull'origine del nome della città, Met+Hera). [ma'ta:rə]) è un comune italiano di 60 411 abitanti, capoluogo dell'omonima provincia è il più grande comune per superficie della Basilicata.. È conosciuta in tutto il mondo per gli storici rioni Sassi, che ne fanno una delle città ancora abitate più antiche al mondo. La città di Matera custodisce una storia molto lunga. I villaggi neolitici del Materano, oltre ad essere circondati da trincee, mostrano ancora le buche per i pali delle capanne, cisterne e fosse per il grano, e diverse tombe ipogee. Il 21 settembre 1943, giorno dell'insurrezione di Matera, il popolo materano si ribella contro l'oppressione esercitata dall'occupazione nazista. Le prime testimonianze di insediamenti umani risalgono al Paleolitico. La Storia di Matera Matera è una città antichissima, una delle più antiche al mondo, e il suo territorio testimonia insediamenti senza soluzione di continuità sin dall’età paleolitica. Solo nell'Alto Medioevo, dopo la caduta dell'Impero Romano d'Occidente e l'arrivo dei Longobardi intorno al VI secolo d.C. (nel 664 d.C. la città viene annessa al Ducato di Benevento), Matera, assume le caratteristiche di città. Matera, una delle città più antiche del mondo, Capitale europea della cultura per il 2019. Matera diventa così punto di incontro tra Oriente ed Occidente della cosiddetta civiltà rupestre, tra arte bizantina degli anacoreti e l'arte dei pastori locali. La storia di Matera ha inizio nel Paleolitico, Matera è infatti la terza città più antica al mondo, subito dopo Gerico e Aleppo. Matera è la prima città del Mezzogiorno ad insorgere contro i nazisti e per questo insignita della Medaglia d'argento al valor militare e della Medaglia d'oro al valor civile. © APT Basilicata – Tutti i diritti riservatiCookie Policy | GDPR Privacy | Designed by Euwebsolutions, L’attenzione nazionale verso il Natale lucano, Basilicata, terra di arte, di cultura e di fede. Informazioni, eventi, storia della citta, visita virtuale La città viene contesa più volte dagli stessi Longobardi, dai Bizantini e dai Saraceni, e nell'867 viene distrutta dall'Imperatore Ludovico II, alleato con i Longobardi contro i Saraceni; ancora nel 994 viene assediata dai Saraceni, ma resiste eroicamente. Durante l'età classica, prima greca e poi romana, Matera subisce l'iniziativa dei popoli che giungono alternativamente da Settentrione o dalla costa[7]. Nel 2014 la città viene nominata Capitale europea della cultura per il 2019. Matera is a city in the region of Basilicata, in Southern Italy. Il "Catechismo nazionale pe'l cittadino" fu redatto dal canonico Onofrio Tataranni, dopo aver vinto il primo premio indetto dal governo provvisorio della Repubblica. Dopo l'insediamento dei Normanni nell'Italia meridionale, nel 1043 Matera è retta dal conte Guglielmo Braccio di Ferro. Museo demo-antropologico ricavato in una antica ed autentica casa-caverna. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 10 dic 2020 alle 12:10. Una delle caratteristiche principali della storia della città di Matera è quella che il suo territorio è stato abitato senza soluzione di continuità dal paleolitico fino ai nostri giorni, pertanto Matera viene considerata una delle città più antiche al mondo.[1][2]. Piazza Vittorio Veneto – Matera Sassi di Matera: Storica Casa Grotta di vico Solitario. The Sassi di Matera are two districts (Sasso Caveoso and Sasso Barisano) of the Italian city of Matera, Basilicata, well-known for their ancient cave dwellings inhabited since the Paleolithic period. Storia di Matera Matera comune italiano di 60.023 abitanti, capoluogo dell'omonima provincia e seconda città della Basilicata per popolazione.